Città di Mantova

In primo piano

- Iscritti ai Nidi privati: contributi per le famiglie
- Sto Bene a Scuola 2019: il 3 settembre Convegno per insegnanti al Ma.Mu.
- Borse di Studio offerte dal Comune di Mantova: domande entro il 31 ottobre
- Borse di Studio 2019 in ricordo di Alessandro Bartoli: domande entro il 31 ottobre
- Disponibili on-line i calendari scolastici 2019/20 di asili nido e scuole dell'infanzia
- Mense scolastiche: info generali; estratto conto pasti, ricariche e pagamenti; rette e riduzioni
- Newsletter N. 7 (7/6/2019): è possibile consultarla e iscriversi al Servizio

 
Home
Piano del Diritto allo Studio 2008-2009 Stampa E-mail

Il Comune di Mantova mette a disposizione per la consultazione il testo del Piano Diritto allo Studio 2008/2009 (approvato con D.C.C. n. 108 del 9/12/2008) e i relativi dati statistici.

Scarica il Piano Diritto allo Studio 2008-09 completo (file pdf – 513 KB)

Scarica i dati statistici 2008/2009 (file zip)

Nota introduttiva di Fabio Aldini, Assessore alle Politiche Educative

“L’educazione è una risorsa per la società”
La scuola italiana da anni attraversa fasi di grandi tensioni, dovute probabilmente al fatto che, mentre la società si sta evolvendo rapidamente, il mondo della scuola talvolta pare vivere scollegato da tali trasformazioni. I mezzi di comunicazione, inoltre, snaturano e banalizzano il dibattito sulle questioni educative, riducendole a complicate dispute di parte, sottovalutando invece il vero problema, quello dell’emergenza educativa per le nuove generazioni, che già ora si affacciano al mondo del lavoro e alla vita sociale con scarse competenze a causa di un sistema scolastico che fatica a rimanere al passo coi tempi.
Invece, oggi più che mai, per uscire da queste tensioni e avviarsi verso un virtuoso percorso di crescita della futura società, sulla scuola converrebbe trovare dei valori di fondo e degli obiettivi generali condivisibili e stabili, da declinare con più interventi riformatori successivi e fra loro ben collegati da comuni denominatori, duraturi nel tempo, comprensibili ad alunni e famiglie.
Solo al termine di questo complesso e paziente lavoro di riforma si potrà mirare ad avere una vera trasformazione in senso moderno della scuola.
E’ questa una strada probabilmente obbligata, se si considera che sia la società nel suo insieme, sia la componente studentesca cambiano rapidamente, sollecitate da complesse relazioni fra evoluzione scientifica, trasformazioni tecnologiche, economia globalizzata, cambiamenti strutturali, riassetto dei distretti produttivi locali e crisi economica. Tuttavia, in generale vi è scarsa consapevolezza della situazione d’insieme.

Per questo, anche a livello di ente locale si deve continuare a sostenere il mondo della scuola con precise scelte strategiche, destinando al sistema locale di istruzione le risorse necessarie a mantenere alta la qualità evidenziata in questi anni, AL FINE DI DAR VITA VERAMENTE A UNA CITTA’ DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI.

Il Piano per il Diritto allo Studio 2008-2009 è frutto del dialogo fra il Comune di Mantova e le Istituzioni scolastiche cittadine e del distretto mantovano, e rappresenta per il Comune un notevole sforzo finanziario, ma anche di idee, energie operative, risorse umane. E’ stato predisposto nel rispetto delle competenze delle scuole dell’autonomia, con spirito di reciproca collaborazione, mettendo in rete le istituzioni scolastiche e le diverse realtà culturali ed economiche operanti sul territorio, e avendo come orizzonte condiviso lo sviluppo della nostra comunità. Con questo strumento di programmazione non ci si vuole però solo limitare a garantire il diritto di accesso ai servizi scolastici -tramite prestazioni di servizi quali il trasporto scolastico, la refezione, il sostegno agli alunni in difficoltà, il prescuola e il doposcuola, l’edilizia scolastica, l’adeguamento delle condizioni di sicurezza, ecc.-, ma ci si propone anche di garantire a tutti il diritto al successo scolastico.
Il Piano illustra solo una piccola parte di tutte le attività che il Settore Politiche Educative svolge in favore della popolazione da 0 a 14 anni e oltre. E’ accompagnato da un corposo fascicolo, ricco di dati statistici relativi a svariati argomenti legati alla popolazione scolastica mantovana. I numeri certamente aiutano a capire l’entità degli interventi posti in essere con continuità e qualità (la nostra azione si rivolge quotidianamente a oltre 4.000 bambini e ragazzi che frequentano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, in oltre 30 plessi scolastici, e alle loro famiglie), ma soprattutto consentono agli organismi di governo locale di comprendere come la scuola sia una realtà importantissima per il nostro territorio, degna della massima considerazione, e di programmare gli interventi futuri.

Il Piano per il Diritto allo Studio illustra in forma sintetica i principali interventi previsti per l’anno scolastico 2008-2009. Ci limitiamo qui a ricordare in forma sintetica le principali azioni progettuali, rimandandone la descrizione puntuale al testo:
- il benessere a scuola, le buone relazioni scolastiche, la prevenzione del disagio e dei fenomeni quali il bullismo scolastico;
-  l’integrazione scolastica dei bambini di altre culture e nazionalità; siamo convinti che, per raggiungere questo essenziale obiettivo, si deve procedere secondo modelli di inclusione e non di esclusione e ghettizzazione sociale e scolastica. Quindi, si sosterranno interventi pedagogici di qualità che risponderanno a questo modello;
- in questa medesima direzione si muovono le proposte di prima alfabetizzazione e accoglienza di bambini provenienti da altre nazioni e culture al fine di giungere rapidamente e in modo sereno ma efficace alla loro corretta integrazione nella vita scolastica.

L’ente locale concorre a creare servizi educativi e formativi di qualità sul proprio territorio attraverso il sostegno alla programmazione educativa e didattica dei vari istituti scolastici, insieme ai quali costruisce un Piano per l’Offerta Formativa Territoriale che mette in dialogo le scuole fra loro e con altri soggetti del territorio. Il Settore Politiche Educative ha concordato con le Dirigenze scolastiche i temi formativi strategici su cui intervenire convogliando risorse economiche e professionali. Si segnala, in proposito:
- l’elaborazione di modelli di percorso per coordinare le iscrizioni nei vari plessi scolastici del territorio;
- l’armonizzazione dei tempi della scuola e del calendario scolastico coi tempi della città;
- l’incremento dei posti nelle scuole materne/nidi tramite l’istituzione sperimentale di una Sezione primavera;
- il sostegno a progetti volti a creare l’integrazione scolastica, di sostegno alla cittadinanza consapevole e responsabile, di promozione della cultura scientifica.

In questo ambito, inoltre, vengono promossi e sostenuti direttamente dall’ente:
- progetti di educazione scientifica, ambientale, teatrale, musicale, motoria, alimentare, artistica e di conoscenza del territorio;
- il Progetto UNESCO, per far apprezzare alle giovani generazioni il senso profondo dell’appartenenza della città al Patrimonio mondiale dell’umanità;
- per valorizzare il continuo lavoro di innovazione e ricerca del Settore abbiamo ideato quest’anno l’Autunno pedagogico, una serie di manifestazioni raccolte sotto un unico titolo generale al fine di richiamare l’attenzione sulle molte iniziative programmate. Poiché il mondo della scuola ha apprezzato tale proposta, ci ripromettiamo di svilupparla e ampliarla anche per il futuro.

Si sostengono inoltre:
- servizi adeguati agli alunni diversamente abili (per i quali sovente si attivano servizi ad personam e si acquista materiale specifico), in condizioni di disagio e a rischio di dispersione scolastica.
-  azioni volte a favorire l’accesso e l’inserimento nella scuola di tutti i bambini, creando condizioni di pari opportunità, anche attraverso interventi perequativi: la gestione dei servizi di trasporto scolastico (scuolabus) e di refezione scolastica (mense, commissioni mensa); sono garantiti a tutti i richiedenti e sono tariffati in base alla valutazione del reddito familiare ISEE.
- il sostegno alle famiglie passa inoltre attraverso le varie forme di intervento previste dalla Regione (dote scuola per l’acquisto dei libri e materiale didattico, per il sostegno delle spese di trasporto e scolastiche in genere, ecc.).

Vorrei, infine, sottolineare:
- la recente inaugurazione e attivazione del MASTeR, Mantova Ambiente Scienza Tecnologie a Ricerca, Laboratorio interattivo permanente di carattere scientifico;
- la catalogazione del materiale didattico storico delle nostre scuole dell’infanzia e la realizzazione di una importante mostra La lezione delle cose, che sta avendo risalto sulla stampa specializzata nazionale, in vista della creazione di un Centro di documentazione e ricerca pedagogico-didattica;
- la presenza del portale informatico costruito dal personale del Settore Politiche Educative, che lo alimenta costantemente di notizie utili a tutti coloro che gravitano intorno al mondo dell’infanzia, dell’adolescenza e della scuola in genere, e la predisposizione di una newsletter che il Settore invia da oltre un anno a quanti desiderano essere informati sul mondo scolastico locale.

Consentitemi anche di citare con soddisfazione due riconoscimenti, riferiti ad esempi di buona amministrazione, assegnati recentemente al Settore per aver perseguito buone prassi  nell’ambito del servizio di Ristorazione scolastica per scuole materne ed elementari e del servizio Asili Nido, il cui monitoraggio è assegnato agli utenti .

Agli interventi descritti in questo fascicolo andrebbero aggiunte molte altre attività che l’amministrazione fa a sostegno della scuola tramite gli interventi dei Settori Cultura e Servizi Sociali o delle Opere Pubbliche; si pensi alle opere di manutenzione ordinaria e straordinaria dei 32 plessi scolastici comunali e il sostegno di progetti particolari nelle scuole.

Questo documento costituisce un atto generale di indirizzo; nella fase operativa, le previsioni potrebbero subire modifiche in relazione alle singole esigenze scolastiche e didattiche e al prossimo bilancio di previsione.
(Fabio Aldini, Assessore alle Politiche Educative)

 

Ultimo aggiornamento ( Sunday 15 August 2010 )
 
< Prec.   Pros. >

Bimbi in auto con il caldo

banner bambini in auto-1.jpg

 

 

Dote Scuola

logodotescuola.jpg

E se diventi farfalla

logo-e_se_diventi_farfalla.jpg
banner nidi gratis.png

Le cose e le loro lezioni

bannerlecoselelorolezioni-web.jpg
logo master.jpg
 logo pedibus millepiedini-web.jpg

MantovaScienza

banner_mantovascienza.jpg

banner Vaccinazioni

banner vaccinazioni-1.jpg

banner Non sei da sola

banner non sei da sola_480x320c.jpg
Design by Asitech srl.